pizza-crudista

Ricetta crudista: Pizza

A chi non piace la pizza? Eppure purtroppo col diffondersi delle intolleranze alimentari questo gustoso piatto crea sempre più problemi a un numero crescente di persona. Quella che vi proponiamo oggi è la versione crudista della pizza napoletana, leggera, dietetica e a prova di fastidiosi gonfiori. Provare per credere!

Per questa ricetta, che permette di preparare un pane alternativo, servono alcuni strumenti: l’essiccatore, il frullatore e un macinino da caffè. In alternativa all’essiccatore si può usare il forno a bassissima temperatura (non oltre i 40 gradi) per diverse ore, per non distruggere gli enzimi.

INGREDIENTI

PER LA BASE

2 tazze di semi di lino ridotti in polvere col macinacaffè
1 tazza di mandorle ridotte in polvere col macinacaffè
1 tazza di peperone a cubetti
1 tazza di polpa di carota frullata
1 tazza di pomodori secchi
erbe e aromi a piacere (basilico, origano, aglio, cipolla)
1 cucchiaio di succo di limone
sale q.b.
acqua q.b.

PER IL CONDIMENTO

3 pomodori
3 pomodori secchi
3 datteri
basilico
origano
aglio tritato
olive
rucola
funghi

PROCEDIMENTO

PER LA BASE

  • Ammollare per 30 minuti i pomodori secchi e poi scolarli. Mettere nel frullatore i pomodori, il peperone, gli aromi e frullare fino a omogeneizzare il tutto.
  • Aggiungere un po’ alla volta le farine di mandorle e di semi di lino e la polpa di carota e l’acqua necessaria a rendere l’impasto morbido ma non troppo (come la pasta da pane).
  • Spalmare l’impasto nella teglia dell’essiccatore ricoperta da carta da forno, lo strato deve essere spesso un centimetro e mezzo.
  • Essiccare per 15 ore finché diventerà solido

PER IL CONDIMENTO

  • Condire la base per pizza con una salsa di pomodoro ottenuta frullando i pomodori freschi con i pomodori secchi e i datteri.
  • Decorare poi la pizza con basilico, origano, aglio, olive, rucola, funghi o altre verdure ed erbe aromatiche a piacere.
  • Mangiare subito o infilare di nuovo nell’essiccatore per qualche ora prima di gustare.

Buona pizzata!

Lascia una commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *